Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_riodejaneiro

Conversazioni d'Arte

Data:

16/05/2014


Conversazioni d'Arte

Giulio Paolini, Jannis Kounellis, Gilberto Zorio, Pietro Fortuna, e Stefano Arienti

Italia na Copa

“Conversazioni d’Arte” comprende 5 documentari monografici che intendono disegnare una mappa della ricerca estetica italiana attraverso la testimonianza di alcuni tra i rappresentanti più eloquenti di tre generazioni, dal dopoguerra alle attuali tendenze. L'arte italiana è particolarmente intrisa di pensiero e di consapevolezza teorica, e la forma del documentario, con la sua vocazione divulgativa, è una grande opportunità di conoscenza e riflessione sui temi e i processi creativi dell'arte. Saranno rappresentate tre generazioni di artisti che hanno in comune, al di là delle singole individualità e differenze, una dichiarata volontà fondativa e l'idea che l'arte sia un momento essenziale del nostro bisogno di conoscenza. Il programma prevede i filmati di Jannis Kounellis, Giulio Paolini e Gilberto Zorio consacrati esponenti dell’Arte Povera accanto a Pietro Fortuna e Stefano Arienti, testimoni di due generazioni, anni ‘80 e ’90, che hanno saputo sviluppare attraverso nuovi processi formali e ideali la grande tradizione della ricerca artistica italiana. All’evento saranno presenti Pietro Fortuna e Alessandra Populin, autrice e regista dei documentari. Pietro Fortuna Pietro Fortuna nasce a Padova nel 1950. Negli anni ‘80 è presente alla XVI Biennale di San Paolo, alla Galleria Comunale d’Arte Moderna di Bologna, a Ville Arson a Nizza, al Kunstler House a Graz, al Frankfurter Kunstverein, alla XII Biennale di Parigi. Negli anni ’90 realizza nuovi cicli di opere con installazioni e lavori di grande formato con cui è presente al Palais de Glace di Buenos Aires, alla Galleria d’Arte Moderna di San Marino, al Museo d’Arte Moderna di Bogotà, alla Galleria Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, a Le Carré Musée Bonnat di Bayonne e al Museo Pecci di Prato. Negli stessi anni fonda Opera Paese un luogo per la cultura in cui s’incontrano importanti figure dell’arte, della musica, e del pensiero, da Philip Glass a Kankeli da Pistoletto a Kounellis. Dal 2000 al 2013 seguono altre personali al Watertoren Centre for Contemporary Art di Vlissingen, alla XII Biennale Internazionale della Scultura di Carrara, al Tramway di Glasgow, alla Fondazione Morra di Napoli, al Macro di Roma, al Marca di Catanzaro e alla Quadriennale di Roma. Numerose le collaborazioni con gallerie private tra cui Massimo Minini a Brescia, Studio Guenzani a Milano, Nosei Gallery a New York, Montenay - Delsol a Parigi e a Roma con Giuliana de Crescenzo, La Nova Pesa e Giacomo Guidi.

Informazioni

Data: Ven 16 Mag 2014

Ingresso : Libero


717