Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_riodejaneiro

Tipologia e Nobiltà del Mago

Data:

12/08/2013


Tipologia e Nobiltà del Mago

Franco Cardini e Marina Montesano

Commemorazioni del Settecentesimo Anniversario della Nascita del Boccaccio

Nell'italiano moderno il termine "mago" è inteso secondo un duplice significato. Da una parte, indica il conoscitore e il praticante di un'arte "colta", a carattere "sapienzale"; dall'altra, però, in un'accezione negativa, "mago" può esser anche sinonimo di "illusionista" e, al limite, di "ciarlatano". Il lessico dei novellieri toscani trecenteschi usa una certa varietà di vocaboli per indicare coloro che praticano, più o meno seriamente, le arti magiche. Nelle loro pagine la dicotomia sostanziale fra sapienti e ciarlatani appare profonda: i maghi sono tuttavia quasi sempre mercenari, uomini che vendono una merce meravigliosa a buon mercato; non altrettanto chiara appare, sul piano del lessico, la differenza tra il ricercatore nel campo delle arti magiche, il praticante sul piano rituale e il ciarlatano. Lo scarso interesse dei novellisti per le questioni teoriche rende difficile, in questo campo, una ricerca che intenda rifuggire da una rischiosa sollecitazione delle fonti. Il Boccaccio, che pure dalla sua lunga frequentazione della letteratura classica e cavalleresca aveva ricavato rispetto e conoscenza per la magia "alta" e sapienzale, nel presentare il personaggio della vedova credula nelle arti magiche dello scolare, la definisce donna "poco savia" nel fidarsi dello spasimante, "senza pensare che se lo scolare saputa avesse nigromantia per sé adoperata l'avrebbe" . Il mago si presenta ai suoi possibili "clienti" come un professionista, anche se di solito la sua attività è celata dietro altre, più presentabili e meno rischiose condizioni: può essere un prete o un giurista o un medico; professioni che presuppongono un certo grado di cultura e la conoscenza della lingua, anche - o meglio soprattutto - latina, utile nelle operazioni magiche. Vi sono poi figure di tutt'altro stampo: emarginati, esclusi, vagabondi. In questa categoria di individui, gente pronta a tutto pur di sbarcare il lunario, troviamo senz'altro il maggior numero di ciarlatani.

Informazioni

Data: Lun 12 Ago 2013

Ingresso : Libero


688