Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_riodejaneiro

Amerigo Vespucci

Data:

29/07/2013


Amerigo Vespucci

Franco Cardini e Marina Montesano

Giornata Mondiale della Gioventu

Dici America ed è subito Cristoforo Colombo, che però non ebbe mai la percezione di aver scoperto un nuovo continente. Non fu nemmeno lui a coniare la famosa espressione "Nuovo Mondo". Essa risale a un mercante fiorentino, anzi a un intraprendente faccendiere nato a due passi dalla chiesa di Ognissanti, frequentatore e collaboratore di Casa Medici, quasi coetaneo del Ghirlandaio e del Botticelli. E fu proprio Amerigo Vespucci che dopo aver aiutato Colombo a organizzare la sua terza spedizione aldilà dell.oceano, si dette a sua volta alle spedizioni navali, scoprendo nel 1501-1502 la baia di Rio de Janeiro e il Rio de la Plata. Per le strane vie che percorre talvolta la storia, fu con il suo nome e non con quello di Colombo che fu battezzato il nuovo continente: America. Ma Vespucci, fortunatissimo eroe eponimo di una scoperta non sua, continua a essere oggetto di curiosità e polemiche. Fu un astuto "venditore di se stesso" o un "miracolato" dalla propaganda massmediale che, con l'invenzione della stampa, stava muovendo ormai i suoi primi passi? Un esperto tecnico della navigazione o un abile millantatore? Un inguaribile nostalgico della sua Firenze, lasciata per correr dietro a un sogno di fortuna, o un solerte e fedele funzionario della corona di Spagna? La storia obbliga a porsi domande, ma non sempre fornisce risposte. Questa è la storia di Amerigo Vespucci.

Informazioni

Data: Lun 29 Lug 2013

Ingresso : Libero


687